Lancia

Fulvia HF 1300 Rallye, 1967

La Fulvia ha ricevuto un trattamento di restauro minimo. La carrozzeria è stata trattata con una lucidatura specifica che elimina tutte le parti parzialmente rovinate e ridà lucentezza alla vernice. Allo stesso modo, gli interni sono stati puliti con trattamenti speciali che riportano la pelle e i tessuti al loro stato originale senza dover rifare la tappezzeria. I freni sono stati completamente rifatti da MCW.

Lancia Fulvia HF 1300 Rallye 1967

  • Anno: 1967
  • Esterni: Rosso
  • Interni: Neri
  • Cambio: Manuale

Note

La Lancia Fulvia HF 1,3 Rallye era equipaggiata con un motore 4 cilindri con architettura a V e angolo di bancata compatto, in grado di erogare 90 CV.

Lancia

Fulvia HF 1300 Rallye, 1967

Dalla non fortunatissima berlina Lancia Fulvia, nel 1965, ne derivò un'elegante e sportiva coupé, che divenne un enorme successo commerciale, grazie alla bellezza della linea e, in un secondo tempo, all'impulso derivante dalle numerose vittorie nelle gare di rally, culminate con la conquista nel Campionato internazionale costruttori 1972. Disegnata da Piero Castagnero, che si era ispirato (secondo le sue dichiarazioni) al motoscafo Riva, la Fulvia Coupé era una berlinetta sportiva a 2 posti più 2, dall'aspetto elegante, dalle finiture curate (come la plancia rivestita in vero legno) e dalle prestazioni sportive. La Lancia Fulvia Coupé HF, fu tra le principali protagoniste delle competizioni di rally sul finire degli anni sessanta e nei primi anni settanta. Il debutto avviene al Tour de Corse del 1965, pochi mesi dopo la sua presentazione al Salone dell'automobile di Torino. Nel campionato del mondo rally ottenne solamente un 3º posto (al Safari Rally del 1974 con Sandro Munari), ma la Fulvia Coupé aveva consumato i suoi successi negli anni precedenti, conquistando anche un mondiale marche nel 1972, che già dall'anno successivo sarebbe diventato l'attuale campionato del mondo costruttori.